Mi faccio i film

TRAMA: Rocco è un giovane studente di Cinema convinto di essere un grande regista. Il Mariachi è un ragazzo di strada convinto di essere un grande attore. I due convivono insieme e sono compagni di stanza. Hanno realizzato qualche video di bassa qualità per Youtube ma si sentono perfettamente in grado di fare un film. Il problema è che, oltre a non avere le competenze, non hanno neanche la disponibilità economica. Entrambi vivono alla giornata inventandosi di tutto per fare soldi senza necessariamente mettersi a lavorare sul serio.
Un giorno Rocco, durante una passeggiata solitaria alla ricerca di ispirazione, incontra un Vescovo. Quest’uomo sostiene di essere suo padre, il padre che Rocco non ha mai conosciuto e che credeva morto. Per recuperare il rapporto con il figlio abbandonato, l’uomo procura al ragazzo, tramite una sua conoscenza, un colloquio con Frank Lamoglie, uno dei più importanti produttori italiani a livello internazionale. Dal nulla Rocco si ritrova ad un tavolo, al quale ambiscono registi di ben altra fama, per proporre la sua idea: “Cazzlife – La vera storia di Pepito el Rojo”. Si tratta di una storia grottesco-fantascientifica che racconta una realtà sdoppiata in sette mondi. Il produttore, indifferente all’idea del giovane regista, decide comunque di dargli un contentino per aiutarlo nelle riprese, in cambio, però, di un piccolo favore al limite della legalità che si rivelerà essere una sorta di riciclaggio di denaro. Rocco e il Mariachi accettano la proposta ma trasformano quella che era l’idea iniziale del produttore in uno spaccio che, in pochi mesi, frutta introiti spropositati. Durante questo periodo i due formano una sorta di banda i cui componenti hanno competenze specifiche nel settore cinematografico. Si tratta delle stesse persone con le quali, in un secondo momento, Rocco e il Mariachi andranno a realizzare il film che si stanno autofinanziando.
L’oggetto dello spaccio non è una sostanza illegale ma l’organizzazione di questa attività giace al limite della legalità. Non avendo alcuna garanzia o protezione, il gruppo viene scoperto, identificato e arrestato. Attraverso gli interrogatori con il commissario e l’ispettore capo la storia viene ricostruita passo per passo fino ad arrivare ad un finale dove “Cazzlife”, il film nel film (raccontato al contrario, in pellicola, in cinque scene), svelando il suo mistero, sovverte l’esito della storia.

Data

Attualmente in produzione

Categoria

Film